Gli anni che passano (Una donna allo specchio) - Nottheusualdressing
41370
post-template-default,single,single-post,postid-41370,single-format-standard,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-2.3,smooth_scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Gli anni che passano (Una donna allo specchio)

Sto pensando che gli anni passano e tu sei lì in preda al tuo corpo ed al tuo umore femminile che fluttua come il frumento in preda al vento ..sì perché il tempo su noi donne è cattivo ..distrugge ad una data ben precisa il desiderio di procreazione ed il desiderio naturale nel far l’amore…come se per noi donne tutto fosse scandito dal tempo e dalle lotte per ottenere i diritti che poi si perdono con l’arrivo del tempo che scandisce l’onda a cui siamo aggrappate….la ruga sotto il mento e le zampe di galline che diventano zampilli di crepe e quel corpo che cade ….e le lacrime che diventano fragili come la pioggia di agosto ….e così i falchi dei mass media ci aspettano per bombardarci con la bellezza ricreata a computer ultra 50 che deve diventare unico nostro scopo finale ….e non ci aiutano a capire che forse la cadenza di un apostrofo serve per farci rinascere…. la depressione spesso in certe fasi della vita aiuta a eliminare certe zecche che prosciugano il dentro e ci da il passo per farci camminare con zaini meno pesanti …e che forse le famigerate rughe servono per distinguerci dalle ventenni e per insegnare a coloro che ci guardano che se siamo così e perché siamo sopravvissute al tempo che passa ….e che forse i fotografi contemporanei quelli che sanno andare oltre l’apparenza preferiscono colpire con l’obiettivo la donna ultra 50 per quello che è …e non rifatta.

Certamente il tempo con la femmina è sadico e la ricatta ….e quando arriva ad una certa età toglie desiderio sessuale e l’intensità del mantra ….e la grazia delle bacche rosse diventano viola ….ma la natura non è un nastro rosa o blu ..la natura nasce e muore ed è probabile che conosca bene la sua logicità e non la riveli a noi che siamo curiose di sapere …

Diceva ,mio padre, ogni cosa ha una sua logicità ….e forse andare oltre per capire è come togliere l’intensità di un incontro al mezzo buio della sera ….certamente è dura da accettare e se in quel tempo giovanile tenevi una salute di mezza tacca forse all’età dell’oltre la salute diventa una tacca intera ..d’altronde la vita cambia e trasforma e schioda e poi attacca ed a volte svela e poi muore e di nuovo attacca ….. .

Il corpo palpita e scalpita di scaldane calde fuoco disegnando grandi cicli di rose rosse e tu donna sei lì in preda ad una forza misteriosa che ti cambia e ti fa diventare ciò che veramente sei senza inganni e finti sorrisini.. pura e nuda storta o dritta come veramente sei …..calda o fredda il tempo cambia…e l’approccio al maschio diventa spesso una carta da scartare ..perché l ‘asse di picca è già stata giocata e la partita è stata vinta a pieno titolo. Sì è vero il corpo è la carta che giochiamo ma oltre l’obiettivo c’è la camera oscura tutta piena di fotografie da sviluppare. Dietro ci sta pure un grande cataclisma che diventa la quinta punta della stella quando si diventa donna tutta intera … “

(Una donna allo specchio nei suoi 50, volevo scrivere io qualcosa a questo proposito, ma le sue parole dicono tutto e non c’è bisogno di aggiungere altro. Maria Alloisio, donna, poetessa, anima antica, mia amica, grazie.)