Cucinare, un'arte a tutto tondo - Nottheusualdressing
40932
post-template-default,single,single-post,postid-40932,single-format-standard,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-2.3,smooth_scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Cucinare, un’arte a tutto tondo

 

Scrivo anche di cucina, di cibo e della mia attitudine a cucinare,attività per la quale da sempre, sono molto dotata. Sarà perchè sono quella che si dice “una buona forchetta”? Del cibo mi piace il fatto che è un rito, dalla scelta degli ingredienti, alla preparazione, alla presentazione e quindi alla consumazione finale. In genere lo si sceglie , lo si prepara e lo si consuma con qualcuno a cui si tiene. Io ho viaggiato molto dai 16 ai 26 anni sono stata una senza fissa dimora, o meglio gli aerei e gli hotel erano casa, non avevo tempo per cucinare e dovevo lottare per mangiare bene, nutrirmi veramente.. Il cibo è diventato nel corso degli anni il mio migliore amico, oppure se volete un modo salutare per prendermi cura di me e non sentirmi così sola. Ho imparato con molta soddisfazione che è bellissimo cucinare per se’ stessi. Adesso che ho passato i trenta, e sono già nella seconda decade degli anta….beh, adesso  cucino veramente con passione e gioia, mantenendo quello che da sempre mi riesce bene, indovinare gli ingredienti, sperimentarli insieme, stupire con ricette dagli accostamenti azzardati, che si rivelano invece assai vincenti. In sintesi scriverò di cibo, mercati, ingredienti, posti particolari e papille gustative, eh sì perché , vi sarà capitato, cosa c’è di meglio che raggiungere l’estasi, chiudendo gli occhi e mettendo la forchetta in bocca? Isabel Allende mi ha aperto tutte le papille gustative con il suo romanzo Afrodita, grande donna, gran modo di scrivere, direi olfattivo  in questo caso…vediamo se riesco anch’io a farvi sentire qualche profumo.