Buone vacanze! In valigia mettete anche del buon senso... - Nottheusualdressing
vacanze,viaggio, valigia,estate, mare, abbronzatura, sole
41399
post-template-default,single,single-post,postid-41399,single-format-standard,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-2.3,smooth_scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Buone vacanze! In valigia mettete anche del buon senso…

Tra pochi giorni partirò per le vacanze e come molti di voi temo che saranno brevi, troppo, e che quando dovrò rientrare, mi sembrerà di non essere neanche partita. Le ferie, per molti, non sono più quelle di una volta. Per quei molti scrivo oggi il mio ultimo post, pensando che quando si parte in vacanza si deve staccare la spina, lasciare i problemi  dietro di sé…chi non ne ha, fa fatica a capire: la testa in ferie deve essere sgombra e libera di vagare, altrimenti che ferie sono?

Il mio webmaster mi ha suggerito di scrivere un post su cosa mettere in valigia….come blogger esistono già moltissimi input e le risorse non mancano, non voglio rischiare di essere banale o scontata. Mi accingo quindi a scrivere quello che metterei io in valigia. Direi che non dipende da dove si va, ci sono cose che a prescindere del luogo di destinazione bisogna sempre portare con sé…vediamo  se vi trovate d’accordo.

Lunga o corta, vicina o lontana, la vacanza deve essere il viaggio dello spirito e dell’anima e poi anche del corpo, comunque la si rigiri, lo scopo è riposarsi. Partite quindi con un libro, meglio se già iniziato, così avete già passato la soglia dell’imbarazzo iniziale quando non sapete se vi prende oppure no, siete già a pagina 45 e non vedete l’ora di proseguire. Un libro vi saprà tenere sempre ottima compagnia, anche solo vederlo sul comodino, o nella borsa del mare, sarà un ottimo alleato per uscire da situazioni di noia e di impasse, soprattutto se viaggiate da sole. Io ho scelto “Il Mosaico di Parsifal” di Robert Ludlum, edizione vintage ovviamente e come riserva  “Afrodita” di Isabel Allende, questo l’ho già letto, ma devo rivedere alcune cose che mi saranno molto utili questo autunno in cucina. Se non l’avete ancora letto, fatelo senza indugi e se vi piace mangiare bene e ancor meglio cucinare, troverete in queste pagine pane per i vostri denti, so to speak! Ricette e racconti sposati dall’ottima, scorrevole scrittura di Isabel, se fate come me, non vedrete l’ora poi di sperimentare alcune ricette e personalizzarle a vs gusto.

Mettete in valigia il necessario per la vs sopravvivenza, pensando che in ferie, il corpo deve essere libero così voi vi sentirete a vs agio. Partendo dal basso, cioè dai piedi, i miei sono nudi il più possibile, l’infradito lo metto a fine maggio e lo tolgo con rammarico ai primi di ottobre. L’infradito è il must dell’estate e va portato con assoluta disinvoltura ovunque. I grandi brand che li producono, lo sanno già, troverete un vasto assortimento di colori e materiali, anche da sera con strass e brillantini, da usare a vs piacimento. Nella mia di valigia ne metto due paia, così da non trovarmi senza, non si sa mai.

Un abito lungo e comodo, quest’estate pare che il look boho, bohemienne, casual chic del camicione largo un po’ hippie, un po’ radical chic sia tornato di gran moda. In realtà mia mamma si vestiva così da sempre e io ho preso da lei. Con l’avanzare degli anni ho  sempre saputo che scoprire troppo non è sinonimo di bellezza né di seduzione, tutto il contrario, quello che non si vede, ma si intuisce nello svolazzare di un orlo o nel movimento di accavallare le gambe è molto, molto più fine e di gran lunga di maggiore effetto. Nel Vintage troverete ciò che soddisfa l’una e l’altra  esigenza, sarete sexy e molto self confident  senza scadere nel volgare. Ovunque andate, l’ho già scritto, la sicurezza in sé, vi farà sentire a posto, la classe passa spesso inosservata, ma lascia dietro di sé lunghissime scie…Come mi piace dire sempre, non è da tutti.

Accessori? Io non ne porto, quindi su questo faccio veramente fatica, ma poi penso a   Grace Kelly e a quei splendidi anni in cui esisteva il foulard che era anche un passe-partout per ogni occasione. Allora in valigia metto anche un foulard, un bel carré di seta, non troppo grande, che possa apparecchiarmi la testa  a dovere e in mancanza del parrucchiere di fiducia darmi l’aria di esserci appena stata. Lo sapete già, il foulard oggi ve lo mettete addosso come più vi piace, a modo vs e fate centro sempre. La borsa, in realtà, in estate per me è sempre di paglia, enorme, buffa, esagerata perché no…o di tela formato shopping e comoda da mettere sulla spalla e da buttare in gommone e in bicicletta…Le mie vacanze in agosto, lo avrete intuito, sono sempre e solo al mare. Nella borsa metto my survival kit for the day, perché esco la mattina e non so quando rientro, quindi dentro c’è tutto quello che mi potrebbe servire durante il giorno. Se viaggio da sola, mi piace essere indipendente, ed essendo pigra, un po’, almeno in vacanza mi piace avere tutto a portata di mano( e di borsa)…

In ultimo mi sento di dire che è inutile pensare di andare in ferie, se si pensa di comportarsi in maniera diversa da come ci si comporta a casa. In ferie nulla è scontato, tanto meno pensare che possiamo permetterci tutto perché nessuno ci conosce. E’ costumanza assai diffusa per alcuni di noi, credere che fuori casa ns è normale rilassarsi quindi non avere più riguardo verso l’altrui persona. Nel mio adorato Giappone, ad esempio, la case sono dei templi dove il cittadino esprime il suo rispetto per la vita e la sua riconoscenza, con ordine e pulizia …Fuori, ogni comportamento del cittadino è volto verso l’altro, quindi massimo rigore, estrema educazione civica… l’altro è il ns specchio. Mettete quindi in valigia il buon senso, che vi impone di rispettare il luogo in cui siete proprio perché non siete a casa vs. Rispettate la spiagge, le pinete, gli angoli di mare che vi sembra di aver conquistato…siete ospiti, non padroni. Lasciate pulito così come l’avete trovato. Lasciate pulito anche se avete trovato sporco, date l’esempio che siete diversi. In spiaggia raccogliete i vs rifiuti e se ne trovate in giro andando al bidone, anche quelli degli altri. Educate col vs gesto, qualcuno raccoglierà l’esempio e vorrà imitarvi. Consumate il giusto, ordinate quello che potete o vi sentite di mangiare, abituatevi a non sprecare anche acqua e cibo, il vs corpo ne trarrà beneficio e, non trascurabile, anche il vs portafoglio…In ferie spesso si mangia male e in maniera disordinata, senza motivo, si mangia troppo, con poco riguardo, non pensando che è il ns organismo che deve fare fatica doppia per eliminare il non necessario… lasciate a casa lo stress di apparire quello che non siete, siate voi stesse, tanto nessuno vi conosce. Questo non vuol dire eccedere, ma rispettare il vs vero io, il buon senso vi direbbe di non costringervi in abiti stretti e situazioni difficili. Anzi vi suggerisco, in chiusura di ascoltare quella vocina che spesso vi sussurra nella testa, di lasciar stare…Godetevi il meritato( lo è sempre) riposo, quello della mente, lasciate andare, tanto va comunque, con o senza di voi, mostrate al mondo i vs unici bellissimi colori…  Abbronzatevi con le adeguate protezioni, ma lasciatevi  baciare dal sole, il sole nutre e vi ricarica, non avrete bisogno di trucco, solo un po’ di lucidalabbra e sarete  sempre perfette.

I problemi del quotidiano e le ansie saranno ad aspettarvi al ns  rientro. Di questo, possiamo essere certi. E allora tanto vale prenderla così, col buon senso, appunto, senza troppe aspettative. Io ci provo, mi sembra di partire più leggera. Buone vacanze, leggetemi con voi, ovunque sarete.